martedì 25 dicembre 2012

Tipologie di visto in Brasile: qualche chiarimento

Cari lettori,

recentemente ci sono stati dei cambiamenti nella concessione di alcune tipologie di visto per il Brasile, quindi ho pensato che potesse essere utile un post sull'argomento, soprattutto per allertare chi avesse intenzione di trasferirsi in Brasile e non avesse consultato il sito del Consolato Brasiliano negli ultimi mesi.


  • VISTO TURISTICO

I cittadini italiani continuano ad essere esenti da visto a fini di turismo (il visto viene concesso nel momento in cui si entra in Brasile, se vengono rispettate le norme previste per l' ingresso nel paese).  Per le altre nazionalità, il Consolato Brasiliano mette a disposizione una lista dei paesi esenti da visto. 

Ciò che è cambiato alcuni mesi fa è il periodo massimo di soggiorno in Brasile per motivi di turismo, che è passato da 180 giorni (90 giorni estendibili a 180 giorni totali) a 90 giorni ogni 180 giorni dalla data del primo ingresso in territorio brasiliano, senza possibilità di proroga. Questo perché l'Italia concede un visto turistico di 90 giorni ai cittadini brasiliani, quindi il Brasile, in virtù del principio di reciprocità, ha deciso di adeguarsi alle norme italiane.

  • VISTO PERMANENTE PER TRASFERIMENTO DI PENSIONE
Le nuove regole entrate in vigore a partire dal 23 agosto 2011 prevedono che possono richiedere questa tipologia di visto i pensionati che ricevono un reddito pensionistico pari o superiore a R$ 6.000,00 (seimila reais) mensili, corrispondenti a circa 2189,00 euro al cambio di oggi. Prima dell'entrata in vigore delle nuove norme, una pensione italiana di qualsiasi importo dava diritto al visto permanente. 

Tale importo consente di richiedere un visto permanente per il dichiarante ed altri due familiari a carico (coniuge e/o figli minorenni). Qualora i familiari a carico del richiedente siano più di due, l'interessato dovrà trasferire l'importo di pari o superiore a R$ 1.000,00 (mile reais) mensili per ciascun familiare eccedente ai due previsti.

Nel caso in cui il reddito pensionistico non raggiunga l'importo prestabilito, è possibile allegare documenti attestanti altri redditi.
  • VISTO PERMANENTE PER INVESTIMENTO
Possono richiedere questa tipologia di visto i cittadini stranieri che certifichino l’investimento, in moneta corrente straniera, del valore pari o superiore a R$ 150.000,00 (centocinquantamila reais). Nel computo della valutazione saranno esaminati i seguenti elementi: compatibilità delle risorse rispetto all’investimento previsto, natura della società, effetto produttivo derivante e interesse sociale. Il visto ha una durata di 3 anni

Secondo la vecchia normativa, il visto aveva una durata di 5 anni e l'investimento richiesto era di US$ 50.000,00.


Per ulteriori informazioni, rimando ai siti del Consolato Brasiliano in Italia:

  • Consolato Brasiliano di Roma:
http://www.consbrasroma.it/vistos/visto_perm02.html

  • Consolato Brasiliano di Milano:
http://milao.itamaraty.gov.br/it/permanente.xml#1c


Arrivederci al prossimo post!!!